DOMENICA 18 SETTEMBRE- ALPINISMO GIOVANILE- PRESENTA GITA LAGHI DI OLBE

20160705_M55

USCITA INTERSEZIONALE CON GLI AMICI DEL CAI DI TOLMEZZO

difficolta E , con possibilità di due percorsi differenti

dislivello 1°gruppo 700 mt. 2°gruppo 900 mt.

– per CAI di Solighetto ritrovo in piazzale della chiesa di solighetto ore 7.00, rientro previsto ore 19:00

– per il Cai di Vittorio Veneto ritrovo piazzale cadoro 7:30,rientro previsto ore 18.30

direttori gita: gli accompagnatori di alpinismo giovanile

– Presentazione gita per Pieve di Soligo mercoledì 07 settembre ore 21:00

Presentazione gita per Vittorio Veneto martedì 06 settembre ore 20:45

 

 

GIORNATA CAMMINAMONTI

DOMENICA 4 SETTEMBRE 2016

CHIESETTA MADONNA DELLA NEVE m 650

REVINE LAGO – PIAN DE LE FEMENE

 

Da Revine, sulla strada che porta a Pian de le Femene, dopo circa 4 chilometri si trova la  chiesetta della Madonna della Neve con possibilità di parcheggiare.

 

Sono previste due escursioni diverse per tipologia e impegno: la prima più semplice con aspetti storico artistici, la seconda più impegnativa e prettamente naturalistica. Guideranno i due gruppi esperti del luogo.

 

Percorso n. 1 con partenza dal centro di Revine e arrivo alla Madonna della Neve con un dislivello di circa m 400 e una durata di 2 ore e 30, spiegazioni comprese.

Il ritrovo è alle ore 8.30 in località Le lame, dove si trova un antico lavatoio (parcheggi nei pressi della Banca Prealpi).

Il percorso si snoderà attraverso le vie del paese, la via crucis sul fianco della montagna fino al Santuario di San Francesco da Paola, aperto appositamente per noi, per poi imboccare la “strada dei cavai” che porta alla chiesetta della Madonna della Neve.

Nel pomeriggio il rientro alle macchine a piedi prevede circa un’ora di cammino su strada, oppure ci sarà modo di avere un passaggio in auto.

 

Percorso n. 2 con partenza alle ore 8.30 da Madonna della Neve per raggiungere Pian de le Femene a quota m 1140 e quindi ritornare alla chiesetta con un dislivello di circa m 600 e una durata di 3 ore e 30.

Camminando sul sentiero chiamato “strada dei cavai”, … segue …

Sotto le stelle al Castello di Collalto

 

6^ Edizione “Confidando in una serata stellata”

Sotto le stelle al Castello di Collalto venerdi 2 Settembre 2016 ore 21,00

Collalto_poster_cai_set-16

Ingresso Libero—-Vedi Poster

 

GIRO DEL SETTSASS (Passo Falzarego-Valparola)

FOTO SETTSASS

28 Agosto 2016

Dal passo di Valparola (2168 m) si imbocca il facile sentiero 24 che parte dietro il rifugio omonimo e traversa tutto l’ampio anfiteatro settentrionale del Settsass con continue e belle vedute sulla zona del Piz dles Cunturines. Proseguendo bisogna fare attenzione ad una traccia che ben presto si stacca sulla sinistra e che va seguita per raggiungere la cima (2571 m -segnavia rosso). Questo sentiero è meno agevole del precedente ma, seppur su terreno roccioso, non oppone alcuna difficoltà tecnica. La cima, caratterizzata da una grande croce, offre panorami di incredibile vastità:  possiamo infatti ammirare tutto il gruppo del Sella, il Sassongher, il gruppo del Sasso della Croce e quello delle Cunturines, la Croda Rossa d’Ampezzo, il gruppo Lagazuoi-Fanes, il Sass de Stria, le Tofane, le Cinque Torri, i Lastoi de Formin, Pelmo, Cernera, il monte Pore, la Civetta, poi ancora il Col di Lana e infine lei, la Marmolada. Ritornati sui nostri passi fino a ricollegarci con il sentiero 24 lasciato precedentemente, lo si segue per breve tratto fino al bivio con il sentiero 23, che va seguito in direzione sud-est, sotto il Piccolo Settsass e poi ancora oltre, in direzione est, tornando facilmente al rifugio e al Passo di Valparola.

Questo itinerario è tratto dalla rosa dei percorsi denominati “lontano dalle moltitudini” dell’amico e compagno di viaggio Luigi Bindi.

 

segue …

MONTE PIANA

MONTE PIANA
24 luglio 2016

Monte piana
A 2.300 m. di quota si presenta un piano circondato da grandi pareti strapiombanti e si gode di una vista mozzafiato sul settore Settentrionale delle Dolomiti.
La salita al monte è semplice e spettacolare, all’arrivo si trovano una chiesetta e il Rifugio Magg. A. Bosi da dove partono i vari percorsi del Museo.
La visita all’interessante Museo all’aperto della Grande Guerra nelle Dolomiti al Monte Piana permette di conoscere gli aspetti umani di come vennero condotte le azioni belliche in alta montagna, in questo luogo in particolare i caduti furono 14.000. Ogni roccia, ogni sentiero, trincea o galleria raccontano il dramma di quei 30 mesi di intenso conflitto vissuto da ognuno di quei soldati.
Ritrovo ore 6.30 sede CAI
tempo salita ca. 2 ore, visita al museo ca. 3 ore, rientro al parcheggio1.30 h.
possibilità di salita e discesa con jeep navetta a pagamento
parcheggio auto a pagamento
difficoltà T
Capo gita Frezza Bruno 3492861734 ore pasti
pren. Entro il mercoledì precedente